“Passi Scelti”: incontri con gli scrittori al Cortino di Fratta

Nuova rassegna di incontri letterari con gli autori

La Biblioteca di Fossalta di Portogruaro e Centro Culturale Ippolito Nievo organizzano una rassegna di incontri letterari con alcuni scrittori locali e nazionali presso il Giardino di Marte e Flora del Castello di Fratta. Scopri tutti gli scrittori che interverranno e prenota la tua partecipazione CLICCANDO QUI

Da maggio a luglio, scrittori locali e nazionali interverranno presso il Cortino del Castello di Fratta alle ore 18:30 per presentare al pubblico le nuove uscite, parlare del proprio percorso artistico e accademico, la passione per la scrittura e conversare sull’importanza della lettura.

Approfondiamo di seguito chi interverrà per ogni incontro e chi lo presenterà:

 

28 maggio, Diego Collovini presenta il volume “Il sorriso di Antonello”, in conversazione con l’autore Umberto Berti

 

L’autore – DIEGO A. COLLOVINI: CRITICO, DOCENTE DI STORIA DELL’ARTE. Ha pubblicato diverse monografie di artisti contemporanei e curato diverse esposizioni di artisti contemporanei. Come ricercatore e cultore della materia allo IUAV e ha al suo attivo scritti di sociologia dell’arte, antropologia e di estetica, nonché di restauro dell’arte contemporanea. Ha collaborato con diverse riviste d’arte, tra le quali Flash Art, Titolo, ecc.; è redattore capo della Rivista d’arte Arte Contemporanea news. Ha insegnato Teoria del Gusto e Storia del Costume al CUT di Treviso, Teoria e Storia del Restauro all’ABA di Venezia, attualmente è docente di Storia dell’arte Moderna all’ABA G. B. Tiepolo di Udine. E’ anche autore di opere di approfondimento in tema d’arte.
Il volume – IL SORRISO DI ANTONELLO (ROMANZO STORICO, edizioni Campanotto 2021): un viaggio affascinante nell’Italia di fine ‘500 dove in piena Controriforma un giovane pittore si chiede come la pittura possa rappresentare le immagini sacre senza incorrere nell’accusa di eresia. Un periodo di tempo limitato ma complesso che va dal primo arresto di Menocchio, mugnaio accusato di eresia nel 1584, fino alle soglie del giubileo del 1600, quando venne emessa la sentenza di condanna al rogo per Menocchio, a Portogruaro, e per Giordano Bruno, a Roma, ambientato fra Venezia, Portogruaro e in alcuni paesi della Patria del Friuli.
Il presentatore – UMBERTO BERTI: collabora con vari enti ed istituzioni ricoprendo incarichi di pianificazione concertistica, programmazione e divulgazione culturale. È autore e curatore di numerose pubblicazioni dedicate soprattutto alla musica strumentale europea, ha collaborato con alcune testate giornalistiche (Gazzettino, Amadeus, ecc,), interviene occasionalmente nel programma radiofonico Radio3Suite. Relatore in convegni anche internazionali (Stoccarda, Ermitage a Pietroburgo, Mittelfest, ecc.), ha collaborato con Maestri quali Quirino Principe, Sandro Cappelletto, Guido Zaccagnini e altri. Condivide con più illustri colleghi la serena disperazione derivante dall’insegnamento nelle scuole statali italiane.

 

4 giugno, Elena Vesnaver;

 

L’autore – ELENA VESNAVER: Ha lavorato per 20 anni come attrice (e, a nostro parere, dotata, oltre che di talento, anche di un bellissimo timbro di voce), ma lo scrivere fa da sempre parte della sua vita professionale, e dal 2004 diventa la sua occupazione esclusiva. Nel 2005 conquista il terzo posto al concorso Profondo Giallo con La faccia nera della luna. Vince lo Sherlock Magazine Award 2008 con Il caso dell’unicorno nero e il racconto appare sul numero 13 della rivista dedicata agli appassionati di Sherlock Holmes. Ha vinto nel 2015 il premio Scerbanenco@Lignano e nel 2016 la prima edizione del premio Verbania for Women. Nel 2019 vince il Premio Europa dedicato alle scrittrici che si cimentano nel giallo e nel noir. Scrive per diverse collane della Lisciani Editore, collabora con il settimanale Confidenze, e cura rubriche dedicate alle donne dell’arte e della cultura. Nel 2020 esce Il mistero della calle senza nome, Lisciani Libri e nel 2021, sempre per Lisciani Libri, pubblica il libro Le Irriverenti, i volti femminili delle grandi rivoluzioni.

Il volume – LE IRRIVERENTI: Può essere un viaggio. Può essere un mestiere. Può essere che la vita la si voglia vivere e basta; può essere il bisogno di buttare giù i paletti, oppure di giocarseli quei paletti e imbrogliarli sotto il naso di tutti, perché l’unica cosa che voglio è vivere come voglio. A modo mio. A modo mio e basta. Ridere a modo mio, amare a modo mio, decidere quello che è meglio per me, a modo mio. Trentadue donne. Trentadue donne che si sono create ascoltando soltanto la loro testa. Trentadue vite diverse e con un comune denominatore: la libertà, perché la libertà è l’unico valore che meriti il sangue e le lacrime e la fatica, l’unica necessità simile all’aria, che senza non si respira. Trentadue donne con tante sfumature e una sola certezza. Trentadue figure scomode, irriverenti, ognuna a modo suo. Trentadue, ma chissà quante altre in giro per il mondo. Chissà quante altre, magari, leggendo questo libro. Età di lettura: da 13 anni.

 

11 giugno, Pierluigi Porazzi;

 

L’autore – PIERLUIGI PORAZZI: lavora a Udine, dove trascorre la maggior parte della giornata, e abita a Tarcento. Laureato in giurisprudenza, ha conseguito il titolo di avvocato e fa parte del progetto Sugarpulp. Suoi racconti sono apparsi su riviste letterarie, in diverse antologie (tra cui “La compagnia dei Benandanti”, Morganti Editore, “Più veloce della luce”, Pendragon, e “Notti oscure”, La Corte Editore) e nella raccolta “La sindrome dello scorpione”. Il regista Luca Sabbatini ha realizzato, nel 2020, un cortometraggio tratto da uno dei suoi racconti, “LA FOTOGRAFIA”, già presentato al BCT – Festival nazionale del cinema e della televisione. Ha pubblicato per Marsilio Editore i romanzi “L’OMBRA DEL FALCO”, “NEMMENO IL TEMPO DI SOGNARE”, in seguito usciti anche, rispettivamente, nelle collane “Noir Italia” (Il Sole 24 Ore) e “Il Giallo Italiano” (Il Corriere della Sera) e “AZRAEL”, premiato come miglior romanzo dell’anno nell’ambito dei Corpi Freddi Awards. Per la collana gLam di Pendragon, è uscito “UNA VITA PER UNA VITA”, scritto con Massimo Campazzo, sul tema del bullismo. Per La Corte Editore ha pubblicato i romanzi “LA RAGAZZA CHE CHIEDEVA VENDETTA” e “IL LATO NASCOSTO”.

Il volume – IL LATO NASCOSTO: Il lato nascosto è un thriller sociale con tratti noir ambientato a Udine. Corruzione ai piani alti, mafia (nigeriana) e spaccio, ma anche problematiche che affliggono il nostro presente e il nostro quotidiano. Pierluigi Porazzi, Considerato uno dei maestri del giallo italiano, questa volta lascia da parte il suo investigatore Alex Nero per una storia potentissima in cui ci presenta due poliziotti, un uomo e una donna: due eroi “normali”, che sapranno farsi amare con le loro forze e le loro debolezze. Un giallo dal taglio innovativo, con sullo sfondo il dramma e gli atroci meccanismi della mafia nigeriana. Al centro un omicidio che si svelerà un rompicapo diabolico, risolvibile solo da una mente altrettanto oscura. Porazzi si riconferma una garanzia per chi ama le tinte noir e inaugura un nuovo genere: il social thriller, che affronta argomenti scottanti e fondamentali della modernità, senza abbandonare il ritmo adrenalinico e gli incredibili colpi di scena a cui ci ha abituato.

 

18 giugno, Angelo Floramo;

 

L’autore – ANGELO FLORAMO: Medievista per formazione, scrittore, docente di ruolo di Lingua e Letteratura italiana e Storia negli istituti secondari di secondo grado, Angelo Floramo è studioso rigoroso e affascinante divulgatore. ha pubblicato molti saggi e articoli specialistici, aventi per oggetto il Medioevo e i suoi sogni. Per motivi di studio e di ricerca ha visitato e continua ancora ad esplorare le più antiche biblioteche di conservazione in Italia e in Europa, perdendosi spesso nella fascinazione di monasteri nascosti agli occhi del mondo. Dal 2012 collabora con la Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli in veste di consulente scientifico per i servizi relativi alla Sezione Antica. Collabora con diverse riviste nazionali ed estere, e ha dato alle stampe diversi volumi con Ediciclo e Bottega Errante Edizioni. Le sue competenze e la sua abilità affabulatoria lo rendono uno straordinario e imperdibile narratore.

Il volume – GUARNERIANA SEGRETA: È un posto magico l’antica biblioteca Guarneriana, una delle più antiche biblioteche d’Italia, tesoro del Friuli Venezia Giulia che Angelo Floramo, direttore scientifico e scrittore, svela con la sua prosa intensa ed evocativa, facendo parlare i protagonisti del luogo: i codici manoscritti che popolano i suoi scaffali, testimoni preziosi di un tempo che fu.

“La Guarneriana è un bosco fitto di sentieri e di narrazioni” scrive, e ci conduce per questa via incantandoci con la storia del miniaturista che ha illustrato la Bibbia Bizantina del XII secolo, oppure commentando le glosse all’Inferno dantesco; ci narra le avventure di uno spettro che “infesta” la biblioteca, e ci fa vivere una giornata intera con Giambattista da Cingoli, il copista più mirabile del XV secolo. Entrare nel cuore della biblioteca, diventa così un’esperienza sensoriale, un viaggio in un passato appassionante. In calce al libro una guida ad alcuni itinerari e luoghi di San Daniele del Friuli e dintorni.

 

25 giugno, Massimo Cuomo;

2 luglio, Elena De Vecchi;

9 luglio, Emina Cevro Vukovic.